Chi è lo straniero?

Standard

Inauguro ufficialmente il mio blog con una riflessione su un tema che mi sta molto a cuore: la tolleranza e l’apertura verso tutti.

Vorrei condividere con i mie lettori (se già ce ne sono) questa piccola poesia, di autore sconosciuto, apparsa nel 1994 su un manifesto a Berlino. Sicuramente molti la conosceranno già, ma non posso fare a meno di citarla.

 

Dein Christus ist ein Jude
Dein Auto ist ein Japaner
Deine Pizza ist italienisch
Deine Demokratie ist griechisch
Dein Kaffee ist brasilianisch
Dein Urlaub ist türkisch
Deine Schrift ist lateinisch
… und Dein Nachbar ist nur ein Ausländer?

 

Traduzione

Il tuo Cristo è ebreo.                                                                                                                                                 La tua macchina è giapponese.                                                                                                                             La tua pizza è italiana.                                                                                                                                             La tua democrazia è greca.                                                                                                                                     Il tuo caffé è brasiliano.                                                                                                                                              La tua vacanza è turca.                                                                                                                                           I tuoi numeri sono arabi.                                                                                                                                            Il tuo alfabeto è latino.                                                                                                                                             E il tuo vicino… è solo uno straniero?

 

Su questa poesia si sono spese molte parole, ma anch’io vorrei dire la mia. Innanzitutto, vorrei, per così dire, spezzare una lancia a favore della parola straniero. Questa parola in sè non ha niente di male, il male sta nel modo in cui troppo spesso viene utilizzata. Purtroppo, straniero è diventato sempre più sinonimo di pericoloso, delinquente, minaccia, nemico. Chi la usa in questo modo, dovrebbe forse provare a dare un’occhiata sul vocabolario, per rendersi conto del vero significato di questa parola. Anche perchè questo termine si usa solo per indicare gli immigrati o comunque coloro che arrivavo da Paesi più poveri o da noi considerati meno civili. Certo, loro sono stranieri, ma straniero è chiunque proviene da un Paese diverso dal nostro. Straniero può essere anche un inglese, uno spagnolo, un norvegese. Straniero significa proveniente da un altro Paese ed ha un significato neutro. Siamo noi a dargli significati più o meno negativi, usandolo come sinonimo di estraneo, diverso, sconosciuto. E ciò che è sconosciuto fa paura e la paura influenza i nostri giudizi. Forse dovremmo dare tutti un’occhiata in più al vocabolario e reimparare e a dare alle parole il loro giusto peso.                                                                   Il concetto di straniero, così come l’idea dell’immigrazione, inoltre, è qualcosa che dovrebbe risvegliare la nostra coscienza storica. Sì, avete letto bene, coscienza storica, ossia memoria del passato del nostro Paese, quel passato in cui molti italiani sono stati migranti, quindi stranieri a loro volta, poveri e emarginati, additati e accusati di ogni male possibile. Questa coscienza storica, invece, viene troppo spesso messa a tacere, o peggio, come ho già detto in altri contesti, narcotizzata, perchè così è più semplice, perchè ci fa comodo, perchè conviene per sostenere le nostre idee. Tendiamo a cancellare queste parti della Storia o considerarle non paragonabili con il presente, portando per questo le scuse più banali e allo stesso tempo assurde. Invece io dico: mettiamoci una mano sul cuore e pensiamo alla Storia come dovremmo sempre fare, cioè come a una maestra di vita. Una maestra che ci invita a sforzarci sempre di capire e, quando è possibile, accettare, ma, soprattutto a non additare gli altri, a non dare epiteti e cambiare significato alle parole.

Certo, cercare di avvicinarsi agli altri, di capirli e di entrare veramente nelle loro storie non è mai facile. Non è facile, ma è sempre la cosa giusta da fare, forse anche perchè è quello che vorremmo che gli altri facessero con noi, se ci trovassimo nella stessa situazione.

Per quanto possiamo essere diversi (e tutti lo siamo,  non esiste una persona totalmente uguale a un’altra), in fondo, siamo tutti semplicemente uomini.

Cittadino del mondo, non rimproverare al tuo vicino di essere straniero!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...